Olcru – Master Viticoltura (1 di 5)

Olcru 001
Azienda Olcru

Presso l’azienda Vigne Olcru, di Santa Maria della Versa (PV), via Buca 26, si è tenuto, in data 25-1-14, il primo dei cinque incontri del Master di Viticoltura, organizzato dall’AIS Pavia. Durante il primo incontro si è visto sul campo la potatura e diverse forme di allevamento (vedi foto). Oltre a questo, c’è stata una parte teorica dove sono emersi svariati punti operativi nella gestione del vigneto, che elenco sommariamente di seguito.

Olcru 003

Olcru 006

Olcru 007

Olcru 009

Portainnesti

Eseguo uno scasso per studiare il profilo del terreno e per la scelta dei portainnesti. Innesto delle marze con una gemma a primavera su una talea con 1/2 gemme. “Testa di salice” da cui nascono i tralci che vengono tagliati e spezzettati ed innestati. Il portainnesto è americano (eseguo un innesto a omega per esempio). Poi viene paraffinata per proteggere e saldare l’innesto. Questo viene eseguito tutto in vivaio, poi viene venduto.

Dati meteo

Attraverso la stazione meteo posso intervenire preventivamente sulle patologie con la regola, ad esempio, dei tre dieci e cioè 10 cm di germogli, 10 gradi di temperatura, 10 mm di pioggia (in questo caso intervengo).

Fasi fenologiche

Al risveglio primaverile, risale l’acqua e si ha il pianto della vite. Sintertizzando al massimo le varie fasi sono: abbozzi di germogli, peluria sui germogli, distensione del germoglio, fioritura, allegagione, invaiatura, maturazione, caduta delle foglie, riposo invernale. Fino a metà marzo posso potare, quando la gemma diventa cotonosa devo aver finito di potare per far si che la pianta dedichi tutto alle gemme che poi si allungheranno. Quando i grappoli diventano visibili potrei avere il problema delle malattie (oidio, peronospera (molto pericolosa alla fioritura), ad esempio), i dati meteo rappresenteranno quindi uno strumento importante. Dai pistilli nasceranno gli acini.

Potatura

Presso questa azienda i sistemi di potatura più usati sono il Guyot (maggior qualità) e il Casarsa.

La legatura

Curvo la vite dopo la potatura sul filo e la lego.

Scacchiatura

Soppressione dei germogli sterili evitando che la chioma si infittisca.

Spollonatura

Elimino i polloni, elimino i germogli nuovi.

Sfeminellatura

Eliminazione delle femminelle (germoglio anticipato, laterale al germoglio principale, che si sviluppa dalla gemma pronta, in modo più o meno pronunciato; dalle femminelle possono svilupparsi grappoli che fioriscono e maturano in un secondo tempo rispetto ai grappoli principali).

Cimatura

Asportazione parziale dei germogli allo scopo di sfoltire. Eliminando così anche la muffa grigia.

Legatura in verde

Lego rami per evitare rotture (ad esempio per il passaggio del trattore).

Sfogliatura

Tolgo le foglie della fascia del grappolo che prendono il sole al mattino (se tolgo le altre è  pericoloso perché prenderebbe poi troppo sole). Espongo meglio il grappolo ed arieggio.

Diradamento

Elimino una quota di grappoli (in invaiatura). Così resistono anche a vendemmie tardive. Arieggio di più sfavorendo la botrite.

Inerbimento vigneto

Riduco evaporazione, senza erba impoverisco il terreno. Se ad esempio piove molto la pioggia porta via i nutrienti del terreno. Aumenta la biodiversità. Stimola l’attività microbica del terreno. Inserisce insetti. Riduce il compattamento del terreno (dovuto al passaggio di mezzi agricoli). Lavorazione meccaniche con meno fango, quindi più facile. Rispetto dell’ambiente. Inoltre avrò più competitività, quindi uva meno rigogliosa, quindi più qualità.

Viticoltura di precisione

Monitoro parcella per parcella. Vigneto viene visto come una mappa (mappe di vigore). Attraverso le mappe di vigore, posso intervenire sulla singola parcella.

Trinciatura

Smaltimento residui potatura, li trancio e li lascio sul terreno (più rapido).

Trattamento vigneto

Per combattere flavescenza dorata, peronospera, mal dell’esca, oidio, ecc… Uso inoltre trappole per gli insetti. Per monitorare uso il meteo come già detto precedentemente.

Raccolta manuale

Migliore qualità, elimino quelli attaccati dalla botrite. Metto in casse forate per favorire uscita del mosto nel trasporto.

Vedi anche Master Viticoltura (2 di 5)

Vedi anche  Master Viticoltura (3 di 5)

Vedi anche  Master Viticoltura (4 di 5)

Vedi anche Master Viticoltura (5 di 5)

Olcru 012

Olcru 014 - Guyot
Forma di allevamento Guyot

Olcru 015 - Guyot
Forma di allevamento Guyot

Olcru 018 - Guyot
Forma di allevamento Guyot

Olcru 019 - Guyot
Forma di allevamento Guyot

Olcru 020 - Casarsa
Forma di allevamento Casarsa

Olcru 022 - Casarsa
Forma di allevamento Casarsa

Olcru 023 - Guyot a sx Casarsa a dx
Forma di allevamento Guyot a sinistra e Casarsa a destra

Olcru 024 - Portainnesto americano
Portainnesto americano

Olcru 025

Olcru 029 - radici
Radici

Olcru 031

Olcru 032

Olcru 034

Olcru 035

Olcru 036

Olcru 040 - Gyropalette
Gyropalette

Olcru 043

Olcru 047

Olcru 051

Testo e foto di Massimo Beccegato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...